Discussione
Avatar_20160325232234.jpg   VITILIGINE: BIOSCIENCE INSTITUTE VERSO LA BORSA DI NEW YORK.
(OFF-TOPIC > Off-Topic)
tempista
Bioscience Institute quota i propri assett al mercato azionario della borsa OTC BB di New York, mentre prevede il NASDAQ entro l'anno. Bioscience Institute, conferendo i propri laboratori di Lipsia (Germania) e il know how sulle terapie cellulari per la vitiligine, ha acquisito una quota di controllo di una società americana in fase di Listing. Dopo tre anni di lavoro e ingenti investimenti, Bioscience Institute ha realizzato presso i laboratori di San marino un protocollo di terapia cellulare per le ipopigmentazioni da vitiligine unico al mondo.

Quest’operazione di listing, quindi, servirà a finanziare tutti gli adempimenti necessari per ottenere la licenza commerciale esclusiva per l’intero mercato dell’Unione Europea che è rilasciata dall’organismo preposto: European Medicine Agency (Londra).
Il paese dell’UE da cui partirà la richiesta di autorizzazione commerciale è la Germania, e ciò perché è l’unico paese dell’Unione Europea che consente alle proprie aziende del settore di operare comunque sul mercato in attesa che l’Agenzia Europea esprima un parere (4-5 anni).

Quest’atteggiamento, favorevole allo sviluppo imprenditoriale del settore, evita che le aziende falliscano in attesa di essere autorizzate ad entrare sul mercato.
Nel corso degli ultimi sei anni, infatti, da quando è nata la commissione preposta dell’Agenzia Europea, a fronte di una sola autorizzazione rilasciata, sono state tante le aziende fallite in attesa di essere autorizzate.

In San Marino, nel corso della precedente legislatura, era emersa un'incertezza legislativa conseguente all'intento del governo di recepire le direttive europee per il settore dei prodotti cellulari.

Questo recepimento legislativo, se dovesse avvenire mediante l’omologazione della legislazione sammarinese a quella italiana, diventa un grave rischio per le aziende del settore. Il governo italiano, infatti, come dimostrano i fatti, ha cancellato il settore privato delle terapie cellulari imponendo restrizioni, in nome delle direttive europee, che si opponessero al nascere di aziende private.

La Germania invece, a differenza dell’Italia, ha sempre interpretato e recepito le direttive europee salvaguardando le aziende private locali in modo da incoraggiare e tranquillizzare gli investitori interessati a sviluppare il mercato tedesco. Tutto ciò ha portato Bioscience Institute a dirottare in Germania parte dei propri investimenti destinati al'UE.

"Bisogna riconoscere che fino ad oggi, le preposte Istituzioni della Repubblica di San Marino, con un atteggiamento colto e pragmatico simile a quello tedesco, hanno sempre tutelato le aziende locali che si sono approcciate in modo serio al mercato” sostiene Giuseppe Mucci, Amministratore Delegato di Bioscience Institute “naturalmente si spera che ciò continui nonostante un futuro recepimento di Direttive Europee con i connessi condizionamenti delle istituzioni italiane".

Allo stato attuale, l'assenza di vigilanza amministrativa sulle società del settore rimane l’unico fattore critico esistente in San Marino. Ciò determina una perenne condizione di rischio sia per il settore sia per l’immagine del paese. Le banche che conservano le cellule umane, infatti, hanno più responsabilità di quelle che gestiscono il denaro e pertanto dovrebbero essere sottoposte a verifiche periodiche che accertino la regolarità amministrativa associata a una sostenibilità economica e finanziaria.

- Fonte.
(lunedì 25 marzo 2013 alle ore 19:43)


Per aggiungere un commento, devi eseguire il login oppure registrati.
User: Pass: Recupera password
© Copyright 2012 - 2019 Tutti i diritti riservati - WebMaster
Power By Tempista.it